Qual è il miglior alimento per cani?

L’alimentazione dei cani è un aspetto molto importante da non sottovalutare: per mantenere in salute il nostro amico a quattro zampe è importante fornirgli tutti i nutrienti necessari per il suo fabbisogno, alimenti cioè completi di tutte le sostanze nutritive necessarie al suo benessere fisico.

Il primo passo per scegliere il miglior alimento per cani è quello di fare attenzione agli ingredienti di composizione, per controllare la percentuale di proteine e verdure al suo interno.

Qual è il miglior cibo per cani? Differenze tra varie tipologie di alimenti

Va innanzitutto detto che una risposta unica a questa domanda non esiste, perché il “miglior cibo” per cani dipende da tanti fattori, anche individuali dell’animale domestico (in primis i suoi gusti e le sue preferenze).

Esistono comunque molte differenze tra i vari tipi di cibo per cani: una prima distinzione va fatta in ordine ad alimenti completi e complementari (la relativa indicazione dell’uno o dell’altro elemento è presente nell’etichetta). I c.d mangimi “completi” sono prodotti alimentari concepiti per soddisfare il fabbisogno nutrizionale del cane, in quanto caratterizzati da una composizione completa.

I mangimi “complementari” invece, sono prodotti per cani realizzati in modo tale da essere integrati con altri mangimi, in quanto non sufficienti a garantire al cane una razione giornaliera completa di tutti i nutrienti necessari.

Questo significa che gli alimenti complementari del cane non devono mai essere usati come esclusiva fonte alimentare del cane, e questo perché da un lato possono contenere grandi quantità di elementi nutritivi (ad esempio proteine), ma dall’altro lato possono essere carenti di altre sostanze parimenti importanti (ad esempio fibre).

Ciò significa che devono sempre essere dati al cane in associazione con altri alimenti, per evitare squilibri nutrizionali.

Le principali tipologie di alimenti per cani: come orientarsi?

Una volta vista la differenza tra cibi completi e complementari, va fatta la vera grande distinzione tra le varie tipologie di alimenti per cani: ovvero quella tra cibo umido, (caratterizzato dalla presenza di acqua sopra il 34%), cibo semi-umido, con una percentuale di acqua tra il 14% e il 34% e cibo secco, con una quantità di acqua inferiore al 14%.

Tutte queste varietà, naturalmente, presentano dei vantaggi, e sono in grado di soddisfare i fabbisogni nutrizionali dei cani. I cibi umidi si caratterizzano per la presenza di una minore quantità di amidi, sono piuttosto appetibili e forniscono buone quantità di grassi. I cani generalmente ne apprezzano il sapore.

Le crocchette invece, si possono ritenere un alimento maggiormente “versatile”, facili da dosare e molto igieniche.

Una buona soluzione, che consente di ottenere i benefici derivanti dall’uso di entrambe le categorie, potrebbe essere quella di variare l’alimentazione quotidiana del cane: suddividendo la sua razione giornaliera usando alternativamente cibo secco e umido. Per quanto riguarda le crocchette, in particolare, l’European Pet Food Industry ha fornito le principali linee guida che aiutano a capire come debba essere un buon cibo per cani: questo deve essere completo (ovvero contenenti i nutrienti necessari in quantità giusta), sicuro, privo di additivi pericolosi per la salute del cane, appetibile (il cane deve apprezzarne sapore e profumo), e facilmente digeribile.

La lettura degli ingredienti di composizione per una scelta consapevole

Va tenuto conto che la legge impone ai produttori di indicare, nella relativa etichetta, gli ingredienti di composizione dei mangimi per animali. Si tratta di un elemento importante, che permette di capire se un determinato cibo per cani è adeguato al fabbisogno giornaliero e all’alimentazione del nostro amico a quattro zampe.

Gli ingredienti nella confezione vengono indicati in ordine decrescente, in base alla quantità di prodotto contenuta al suo interno: se il primo elemento indicato è il pollo, ad esempio, ciò significa che questo tipo di carne è presente in quantità maggiore rispetto agli altri ingredienti indicati.

A tal proposito va ricordato che i cani, essendo carnivori, devono nutrirsi con più carne che cereali, nel senso che la prima deve essere inserita nell’alimentazione di tutti i giorni, in quantità maggiore.

Per orientarsi nella scelta dei migliori cibi per cuccioli di cane va tenuto conto soprattutto di questo importante fattore.

5/5 - (2 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su